Il vetro di Murano ed i lampadari

Originario di paesi mediorientali come la Siria, l'Egitto e la Palestina, l'artigianato del vetro fu poi introdotto nella provincia di Venezia e in molti paesi del continente europeo. Nelle mani di talentuosi artigiani veneziani, questo nuovo mestiere del vetro sbocciò in una magnifica forma d'arte che avrebbe abbagliato e conquistato il mondo intero con la sua bellezza.        

 

Sebbene per i Romani il vetro non fosse un materiale completamente nuovo, è la tecnologia di soffiatura del vetro acquisita dai popoli mediorientali che permise loro di gettare le basi dell'arte vetraria veneziana. Poiché nel IX secolo Venezia era una città sovraffollata, con molti edifici costruiti esclusivamente in legno, i vetrai, e soprattutto le fornaci, furono presto costretti a trasferirsi a Murano, una piccola isola non lontana dalla costa peninsulare.

fabbrica-lampadari-murano-catalogo

Alcuni storici percepiscono questo esilio come una forma di controllo strategico, considerando che era molto più facile per le autorità tirare le fila dell'artigianato del vetro una volta che questo era contenuto in una piccola isola. Con la produzione del vetro a Murano sottoposta a rigide norme e a un attento monitoraggio da parte delle autorità governative, l'artigianato crebbe costantemente fino a diventare un'industria redditizia e i segreti del mestiere dei maestri del vetro di Murano non giunsero mai alle orecchie di altri Paesi concorrenti.

 

La grande concentrazione di artigiani qualificati in un'area così piccola contribuì notevolmente allo sviluppo e al perfezionamento dell' arte del vetro di Murano e facilitò lo scambio di idee creative. Il vetro di Murano si stava lentamente evolvendo in qualcosa di molto grande, che avrebbe raggiunto il suo massimo potenziale tra il XV e il XVI secolo, quando i manufatti in vetro prodotti sull'isola di Murano rivaleggiavano egregiamente con il resto del mondo per quanto riguardava manufatti e specchi veneziani termini di bellezza e maestria. A tutti gli effetti, Murano era diventata così importante e popolare da ricevere continue visite da parte di personaggi di spicco del mondo come re, papi e mercanti d'élite, attratti da quella che era considerata la gamma più alla moda di prodotti in vetro fatti a mano e l'apice della tecnologia vetraria. 

fabbrica-lampadari-murano-catalogo

Dopo un dominio bicentenario su altri potenti mercati concorrenti, l'arte vetraria di Murano subirà un sensibile declino nel corso del XVIII secolo, quando la caduta politica del Paese avrà un impatto pronunciato anche sull'artigianato del vetro. L'industria vetraria non poteva più essere controllata in modo efficiente e l'instabilità economica del Paese portò alla chiusura di molte botteghe, lasciando un gran numero di artigiani senza lavoro. Per la provincia di Venezia, già in difficoltà, le invasioni francesi e austriache dell'ultima parte del secolo rappresentarono l'ultimo chiodo nella bara del suo mestiere di vetraio e, senza alcun aiuto a cui aggrapparsi, l'artigianato del vetro di Murano affondò con esso. 

 

Tuttavia, proprio come una fenice che risorge dalle proprie ceneri, l' arte vetraria di Murano si risolleva all'alba del XIX secolo, quando l'occupazione straniera viene meno e l'Italia inizia la sua ripresa economica e industriale. Nei decenni successivi, l'arte vetraria tradizionale di Murano sarebbe stata portata alle vette del suo antico splendore e oltre, ampliando le ramificazioni della sua industria vetraria famosa in tutto il mondo e introducendo nuove tecniche innovative nel settore. Questo periodo di innovazione e prosperità continua ancora oggi, con la linea di lampadari in vetro di Murano famosi  e desiderati in tutto il mondo

fabbrica-lampadari-murano-catalogo